Mondo Tram
IL TRAM DEL SABATO di Filobustiere

Ogni sabato appuntamento con un'immagine di tram e la sua storia

(24 dicembre 2005) - Il museo dei tram di Porto e le linee storiche (terza parte)
 

Nella precedente puntata abbiamo visto qualcuno dei tram più significativi dei tanti che sono ospitati nel padiglione di quella che fu la centrale elettrica di Massarelos. La nostra visita virtuale, anche se sintetica, doveva essere comunque completata da qualche esempio di veicolo di servizio esposto sotto le volte di questo bel Museo.

Il primo di cui vogliamo parlare è questo strano carro matricola 66 (vedi foto 1) che risale al 1915. Il suo aspetto è davvero originale con le sue piattaforme completamente aperte. Servì per approvigionare proprio la centrale elettrica con il carbone che prelevava da Sao Pedro de Cova. Una volta che aveva lasciato il carico, veniva ricaricato con le ceneri che rappresentavano lo scarto di produzione dell'impianto. Con l'avvento di altri combustibili fu reso chiuso ed usato come vagone merci. Una volta destinato al Museo, si è preferito resturarlo per ricondurlo allo stato di origine come lo vediamo oggi. 

E' la volta  del carro officina bidirezionale 49 (vedi foto 2). Esso fu costruito nelle stesse officine sociali nel 1932. Era destinato ad interventi in linea essendo dotato altresì di un ponte per permettere agli operai di arrivare sotto la rete aerea. Anch'esso come tanti altri fu restaurato nel 1992. 

Completa la rassegna dei veicoli di servizio, questo grazioso camioncino (vedi foto 3) che con la sua scala permetteva interventi in linea. Acquistato in Germania nel 1929 era di costruzione Hansa Lloyd, una fabbrica di veicoli a motore non più esistente. Anch'esso è stato assoggettato ad un attento restauro.

Alla fine di questa breve rassegna dei veicoli del Museo di Massarelos, diamo un'ultima occhiata ad un intruso. Si tratta però pur di un bell'intruso. E' infatti un filobus risalente agli anni '60 di costruzione Caetano. La sua linea elegante trova altresì riscontro nell'interno piuttosto confortevole (vedi foto 4).

La nostra visita al Museo ed alle linee storiche di Porto termina qui. E terminano qui anche le puntate dedicate al Portogallo. Avrete notato che non abbiamo parlato dei tram della più nota Lisbona. E' stato fatto con intenzione in quanto sul sito le è stata già dedicata una rubrica. Pertanto sarebbe stato un inutile doppione.

Il viaggio in Portogallo non mi ha deluso. Ho visto tante belle cose tranviarie che ho cercato di condividere con voi compatibilmente con le possibilità del mezzo informatico. Se aggiungete che in questo bel paese non mancano tantissimi piccoli ma ricchi Musei ferroviari, allora potreste lasciarvi tentare da una vacanza in Lusitania che certamente non vi deluderà come non ha deluso me.

Tutte le foto by Filobustiere

"Filobustiere augura ogni bene a tutti i lettori di TdS: quelli abituali e quelli casuali. Un augurio speciale alla comunità di Mondo Tram e a coloro che hanno sostenuto questa rubrica. In particolare a Nicola ed a Simone che con il loro impegno hanno impaginato con gusto e diligenza il materiale. Filobustiere cercherà nel 2006 di fare ancora tante cose carine per tutti gli amici dei Tram"

 

 


FOTO 1

FOTO 2

FOTO 3

FOTO 4

FOTO 5

 

torna alla home page di Mondo Tram